Una borsa di carta piena di libri.

#1 READING.

Il libro essenziale. Semplice, diretto e ti lascia con un sorriso.

cover libro Paulette

E poi, Paulette…

Uno di quei libri di cui fai fatica a raccontare la trama, perché la trama è fin troppo semplice e ti verrebbe da svelare il finale, e non si può! Un libro in cui non è importante (solo) quello che accade, ma come accade: tutto con grande leggerezza. Avvincente come un libro di avventure e delicato come un romanzo di amore: una ricetta perfetta per trasmettere un messaggio di grande positività e speranza che rappresenta un gesto fortemente “trasgressivo” in questi tempi.
Un romanzo sull’amore, sull’amicizia e sulle seconde chance raccontato in modo incredibilmente agile e scorrevole. Uno di quei libri che ti fanno “rubare” i momenti in cui leggere anche solo due righe per accertarti che stia andando tutto come vorresti…
Perchè nella sua leggerezza è denso di sentimenti positivi, perché la solidarietà vince sull’egoismo e perché alla fine il bene vince.
E quando lo finisci sei un po più felice. (autore Sara Gilioli)

Anch’io grazie a Sara, un giorno fra una telefonata di lavoro e una chiacchiera, non ho resistito e ho immediatamente comprato il libro e conosciuto Paulette, Ferdinand e gli altri.

 

Sono un’amante Sole, mare, ebook reader pieno di libri e borsa Essentialdella lettura. Nella mia borsa c’è sempre un libro, e sul mio comodino ce n’è sempre un’altissima pila. Quando quello che sto leggendo è troppo “leggero” o sta per finire esco sempre con la scorta per paura di rimanere senza. Leggere mi dà la possibilità di fermarmi e di staccare da ciò che mi circonda. Quando leggo tutto ciò che ho intorno scompare, i rumori, la gente e i pensieri della giornata style=”line-height: 1.5;”>e attraverso i libri vivo storie e vite, in tempi passati, futuri o in mondi paralleli, e nella mia mente si concretizzano in immagini le parole che corrono sulla carta. Oltre che amante folle della carta, sono anche grande appassionata di tecnologia, quindi quando sono nati gli ebook reader li ho voluti provare. Devo dire che rimango sempre fedele alla carta, ma solo nelle situazioni più casalinghe!

In viaggio scelgo la comodità!  Sarà meno romantico certo ma così non devo rinunciare a nessuna lettura e nessun paio di scarpe!
Per questo sospirato weekend ho deciso di lasciare a casa la carta dei libri  e scegliere la carta della mini sacco borsa di Essent’ial, dove inserire il mio ebook reader, la crema da sole, il telo da mare e godermi il weekend con i piedi nella sabbia e poi via.. con la lettura di “E poi, Paulette…”.

“Dopo la curva petit Lu non vede più la strada, però sente avvicinarsi qualcosa. Grida a spiaggia deserta e tanti libri in testaLudo: Auto! Sdraiano le bici tra l’erba, si accovacciano nel fosso, allungano il collo per vedere passare il veicolo. Ma questa volta non è un’auto. E’ la signora che vende verdura e miele al mercato. Conoscono solo lei che vada in giro su un carrettoni trainato da un asino. Si ferma alla loro altezza.
Berthe scende e viene ad annusarli. 

– Cercate lumache, bambini?
– No, no, ci riposiamo, tutto qui.
– Ah, benissimo. E poi dove andate?
– Da nonno Ferdinand.
– Sarà un po sorpreso di vedervi arrivare, no? Sapete, mancano ancora due chilometri.
– Pazienza.
– Vi piacerebbe fare il viaggio sul carretto?
A loro piacerebbe da matti. Lei si avvicina all’asino.
– Cornelius, ti andrebbe di accompagnare questi ragazzi dal nonno?

Petit Lu e Ludo ridono, imbarazzati.
Marceline bisbiglia: Non è detto che accetti, sapete. Si fruga in tasca, dà a tutti e due un pezzo di carota. Loro tendono la mano, L’asino pende le carote con molta delicatezza, le sgranocchia annuendo.
– Ah! Sono contenta che tu dica di sì. Grazie, caro Cornelius.
I bambini si guardano, impressionati.
Non sapevano che gli asini capissero così bene tutte le parole.”

Recommended Posts
0